Con oltre 10 miliardi di export nel 2013 la Turchia rappresenta uno dei maggiori sbocchi del made in Italy manifatturiero, in particolare nel settore dei macchinari. Cosa compra Istanbul, e quali opportunità ci sono per le imprese italiane? Tra svalutazione interna e burocrazia quali i rischi principali da contenere? Nella puntata odierna di Mondo e Mercati, in studio con Luca Orlando ne discutono Raffaella Carabelli, presidente di Acimit e imprenditrice del meccanotessile, Vittorio Da Rold, della redazione esteri del Sole 24 Ore, Ferdinando Pastore, direttore della sede Ice di Istanbul.