Masako Mori non ha ancora 50 anni, è avvocato con studi in America ed è madre di due figli. Entrata nel governo del premier Shinzo Abe come ministro per le pari opportunità e la lotta alla denatalità, ha raddoppiato come ministro incaricato della promozione e attuazione della nuova legge sul rafforzamento dei segreti di Stato. Una legge aspramente criticata all'interno e al'estero come potenzialmente lesiva del diritto all'informazione e della libertà di stampa. Per i maligni, Mori è stata scelta proprio per il suo aspetto rassicurante. Grazie anche alla sua determinazione, la legge è passata alla Dieta a fine anno e ora se ne stanno definendo i criteri attuativi in vista dell'entrata in vigore. Masako Mori è andata a difendere la legge al Foreign Correspondents' Club of Japan, l'organizzazione dei corrispondenti esteri che aveva lanciato un forte allarme internazionale sulla normativa.