A sorpresa il Giappone dell'Abenomics finisce in recessione: il prodotto interno lordo del terzo trimestre si è contratto dello 0,4% (-1,6% annualizzato) rispetto al trimestre precedente, quando il Pil era crollato dell'1,9% (-7,3% annualizzato) in seguito al rialzo dell'Iva dal 5 all'8%. L'indice Nikkei della Borsa di Tokyo ha reagito con un ribasso del 3 per cento. Appare sicuro il rinvio del previsto nuovo aumento dell'Iva al 10% a partire dall'ottobre 2015. E il premier Shinzo Abe si accinge a convocare elezioni anticipate come un referendum sull'Abenomics