Il 6 gennaio il Japan Exchange Group ha lanciato il nuovo indice JPX-Nikkei 400 che promette di diventare un benchmark interessante per le strategie di investimento passivo degli investitori istituzionali (e non solo). Mentre l'indice generale Topix è fin troppo vasto ma non comprende piccole società altamente redditizie e il Nikkei 225 è troppo condizionato da singoli titoli ad altissima capitalizzazione, il JPX-Nikkei 400 si compone di società scelte con il criterio di un alto Return-on-Equity e una governance molto attenta alle aspettative degli azionisti. Il Ceo della holding della Borsa di Tokyo,, Atsushi Saito, dice che è la prima volta al mondo che viene lanciato un indice in base a fondamentali di questo tipo. Gli investitori hanno preso nota, anche perché sperano che su questo indice punti il gigantesco fondo pensioni pubblico giapponese (Gpif), al quale la normativa sta per consentire strategie di investimento più flessibili.